domenica 17 aprile 2011

Numeri tondi: Topolino libretto numero 1000

Topolino Libretto n. 1000 del 1975

1000: numero regio del topo tutto d'oro, <<il terzo>> dei numero tondi.
Quando si parla della collezione di Topolino Libretto sicuramente si possono individuare alcuni numeri di maggior interesse ben più difficili da reperire per le loro singolarità o caratteristiche speciali. Tra tutti questi, sicuramente spiccano i "numeri tondi" che nella storia della testata hanno avuto un significato molto importante perché hanno segnato il raggiungimento di una meta editoriale di grande valore. La Mondadori prima e la Disney Italia poi hanno sempre cercato di dare un certo spessore a questi numeri cercando di celebrare l'evento con qualche cosa di grandioso. Normalmente il denominatore comune è sempre stata la copertina: una copertina speciale per festeggiare e ricordare il grande traguardo raggiunto. Il numero 100 di Topolino libretto è senzaltro il primo grande protagonista ed il primo della serie dei numero tondi, anche se dobbiamo aspettare il numero 500 di Topolino libretto per avere un vero e proprio libretto fuori dal comune con tanto di copertina speciale e gadget in regalo. Di questi due ambitissimi libretti del passato parleremo più dettagliatamente in un secondo tempo. Oggi i riflettori sono puntati invece sul secondo numero tondo che rappresentò un grande traguardo per la rivista: il numero 1000 di Topolino libretto

Esce nel Gennaio 1975, costa 250 lire e l'editore è la Mondadori. A differenza del suo predecessore (il numero 500) non viene accompagnato da nessun gadget ma mantiene la copertina tutta d'oro. I disegni della stessa sono del bravissimo Marco Rota che ci regala un Topolino molto simile a quello del numero 1, vestito da reale di Gran Tassonia con corona e scettro sormontato da un numero 1 che unito all'orecchio di Topolino e due zeri formano il numero 1000. 196 pagine in grande stile con storie firmate dai grandi maestri della Disney.

Romano Scarpa firma infatti due delle storie contenute in questo numero speciale con sceneggiature di Guido Martina e dello stesso Scarpa. Zio Paperone e i funghi dei NibelunghiZio Paperone braccato speciale. Nella prima Zio Paperone, Paperino ed i nipoti viaggeranno in Europa per una vacanza rilassante dove incontreranno il re dei Nubelunghi, personaggi famosi della mitologia nordica. Nella seconda storia invece lo zione dovrà escogitare un piano geniale per evitare di uscire con la sua pretendente di tutti i tempi: Brigitta. Le altre storie sono Topolino e i disastri concatenati scritta da Cal Howard e disegnata da Jack Bradbury; Qui, Quo, Qua e il parente di Scozia scritta e disegnata da Carolos Edgard Herrero; Paperino Ammiraglio scritta da Jerry Siegel e disegnata dal bravissimo Franco Lostaffa; Pippo e il settimo cielo scritta e disegnata da Moacir Rodrigues Soares.

La millesima edizione nelle pagine interne viene celebrata con grandi iniziative: un concorso con ricchi premi, una lettera di Paperino che si rivolge ai lettori raccontando il percorso editoriale partito con il numero 1, con un nuovo formato tascabile (digest) che avrebbe fatto poi il grande successo come dimostrano i mille numeri raggiunti. Tra le righe di questa piccola ma bella lettera commemorativa si possono vedere riprodotte le copertine sia del numero 1 che del numero 500 e del 1000. Continua poi con un redazionale dedicato al fiume Danubio ed un bel disegno a tutta pagina con i personaggi Diseny che trasportano Topolino in trionfo e una grande torta con decorato "1000".
A pagina 97 si trova il mitico bollino del club con ben 50 punti e la terza di copertina ospita una pubblicità Mattel di Barbie e Big Jim anch'essa dedicata al numero speciale.

Forse non il più bello dei numeri tondi, ma sicuramente un bellissimo pezzo da collezione che nel mercato attuale, se tenuto esteticamente bene, con sia il tagliando del concorso "Se lo sai, rispondi!" (a pag. 43) e il bollino del club (a pag. 97) ancora attaccati, senza nessuno strappo o scritta nelle pagine e nella sezione giochi, può arrivare al valore di 70 EURO.
Qualcuno lo propone anche ad un maggior prezzo ma considerando che la numerazione è piuttosto recente e la tiratura non troppo bassa il valore giusto pare sia attorno a quella cifra sopra detta. Il fatto che non vi fosse presente nessun gadget e che quindi non venisse venduto con il blister lo rende più facile da reperire tra i collezionisti. Il problema è sempre quello di trovarlo integro e ben mantenuto visti i 36 anni trascorsi dalla pubblicazione.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Lo voglio, lo voglio, lo vogliooooo...!

STEFANO ha detto...

Io ce l' ho è bellissimo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...